dermatologia chirurgica

DERMATOLOGIA OMEOPATICA

Anche in dermatologia è possibile un approccio omeopatico.

L'omeopatia è un approccio terapeutico descritto alla fine del XVIII secolo dal medico tedesco Hahnemann. Essa si basa sull'uso di piccolissime quantità di composti naturali, diluiti in acqua o in alcol. Le metodiche omeopatiche agiscono secondo la "legge dei simili", grazie alla quale ogni sostanza, opportunamente diluita e dinamizzata, sarebbe in grado di guarire sintomi analoghi a quelli che può causare nell'organismo sano. L'uso di rimedi ad azione simile ai sintomi presentati dal paziente, permetterebbe di rafforzarne le capacità reattive (es: stimolando le difese immunitarie).

I rimedi omeopatici mirano a favorire le reazioni dell'organismo, stimolandone i processi difensivi. Secondo l'omeopatia sintomi spiacevoli come febbre, tosse e infiammazione funzionerebbero come naturali meccanismi di difesa e non sempre andrebbero soppressi.

La maggior parte dei rimedi farmacologici oggi utilizzati, sono stati introdotti in commercio solamente negli ultimi 50 anni. I medici del passato ricorrevano invece a rimedi naturali (es: estratti di erbe) in quanto la natura dispone di un numero di principi attivi superiore a quello di qualsiasi prontuario farmaceutico.

Il "cortisone" in crema fu distribuito per la prima volta nel 1953 ed è stato da allora utilizzato come arma farmacologica utile a "reprimere" un pò tutte le dermatosi. Il rimedio omeopatico può costutuire, in molti casi, una valida alternativa.

L'obiettivo primario delle discipline olistiche (hòlos = tutto intero), come l'omeopatia, non è quello di guarire dalle malattie, ma quello di promuovere il benessere fisico, mentale e spirituale, presupposto essenziale per il benessere psico-fisico (psico-immuno-dermatologia).
  • I trattamenti

  • Somministrazione dipiccolissime quantità di composti naturali, diluiti in acqua o in alcol secondo la "legge dei simili".
  •